For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Museo etnografico sardo.

Museo etnografico sardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Museo etnografico sardo
Ubicazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
LocalitàNuoro
Indirizzovia A. Mereu, 56
Coordinate40°19′00.84″N 9°20′07.8″E / 40.3169°N 9.3355°E40.3169; 9.3355
Caratteristiche
TipoEtnografico
Istituzione1976
Apertura1976
GestioneIstituto superiore regionale etnografico
Visitatori29 930 (2022)
Sito web

Il Museo della vita e delle tradizioni popolari sarde si trova in via A. Mereu 56 a Nuoro.

Il museo, che sorge sul colle di Sant'Onofrio, raccoglie abiti ed oggetti tipici della vita e dell'artigianato sardo.

Storia

Il complesso di edifici che ospita il museo è stato costruito tra il 1950 e il 1960 su disegno dell'architetto Antonio Simon Mossa ed era denominato Museo del costume e delle arti popolari.

Cambiò la sua denominazione nel 1972, con la creazione dell'Istituto superiore regionale etnografico (ISRE), di cui divenne proprietà.

Venne aperto al pubblico nel 1976; dal 2004 il museo è stato riqualificato e ampliato. È stato rinominato Museo etnografico sardo.

La sede del museo, costituito da vari edifici separati da cortili, costituisce una sorta di villaggio sardo immaginario in cui sono rappresentate tutte le tipologie di architettura della Sardegna: una piazza con la chiesa, un'abitazione campidanese, ecc.

Descrizione

La sala del pane tradizionale

Il Museo custodisce circa 8.000 reperti, risalenti in gran parte al periodo compreso tra la fine dell'XIX e il primo cinquantennio del XX secolo.

Vi sono esposti abiti tradizionali di diversi paesi della Sardegna, tappeti, copricassapanche, coperte tessute a telaio, gioielli e oreficeria tradizionale, amuleti, sedie, cestini, maschere del carnevale, strumenti della musica popolare, utensili domestici e di lavoro.

Un settore è dedicato alla produzione del pane, con le centinaia di diverse tipologie legate agli usi e alle antiche tradizioni locali.

Voci correlate

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN141619945 · LCCN (ENnr00020706 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00020706
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Museo etnografico sardo
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.

X

Get ready for Wikiwand 2.0 🎉! the new version arrives on September 1st! Don't want to wait?