For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Michele Busiri Vici.

Michele Busiri Vici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele Busiri Vici

Michele Busiri Vici (Roma, 2 maggio 1894Roma, 4 febbraio 1981) è stato un architetto e urbanista italiano, appartenente alla famiglia di architetti Busiri Vici, attivi sin dal XVII secolo.

Biografia

Nato a Roma il 2 maggio 1894, figlio di Carlo Maria, ingegnere e architetto, e di Francesca Gigliesi. Due suoi fratelli, Clemente e Andrea, furono anch'essi architetti. Nel 1921 si laurea presso la Scuola Superiore d'Ingegneria a Roma. Tra i suoi primi lavori c'è la progettazione, insieme al padre Carlo, del nuovo Museo nazionale archeologico ed etnografico G. A. Sanna a Sassari: il progetto eseguito, tra aprile 1925 e dicembre 1929, fu commissionato da Zelí Castoldi Sanna figlia dell'imprenditore e mecenate sassarese Giovanni Antonio Sanna.

Sposò Lodovica Schanzer, figlia del senatore e ministro giolittiano Carlo Schanzer e di Corinna Centurini. La cognata Fulvia Schanzer, moglie di Giulio Ripa di Meana e madre di sette figli (tra cui Carlo Ripa di Meana e Ludovica Ripa di Meana, seconda moglie di Vittorio Sermonti), fu una partigiana.

Comincia la sua professione collaborando nello studio del fratello maggiore Clemente. Insieme realizzano negli anni 1926-1928 i castelli già "Gualino" di Sestri Levante e la villa-museo Gualino di Torino.

Nel 1930, senza la collaborazione del fratello, realizza la villa Attolico, nei pressi di Porta Latina a Roma. Per l'Esposizione Universale del 1942 partecipa con il collega Luigi Piccinato alla sistemazione dei parchi e giardini dell'Eur. È di quel periodo anche il restauro del Castello di Torrimpietra nei pressi di Roma. Nel 1938 gli viene affidato il progetto e la realizzazione dell'impianto del verde nel sito archeologico di Ostia antica, sotto la supervisione di Piccinato.

Nel 1938-1939 realizza a Bolzano, nel contesto del piano regolatore di Marcello Piacentini, il palazzo dell'Istituto Nazionale Assicurazioni presso il Monumento alla Vittoria.[1]

Nel 1939 viene incaricato dal governo della progettazione del Padiglione Italiano all'Esposizione Universale di New York, per il quale riceverà la cittadinanza onoraria della città.

Nel 1955 viene chiamato a comporre il piano regolatore del litorale di Sabaudia. Nella stessa zona tra Sabaudia e San Felice Circeo realizzerà, nel corso degli anni, numerose ville elaborando un suo stile personale (nell'ambito di quella che è stata definita "architettura mediterranea"), caratterizzato da volumi chiari, forme organiche, murature in calce bianca e infissi del colore ormai noto come verde Busiri. In particolare ha realizzato nel 1954 a San Felice Circeo la chiesa e il convento dell'Immacolata, esempio di architettura mediterranea in una chiesa a pianta centrale, altro elemento raro da riscontrare in terra Pontina. Negli anni successivi lavora anche alla sistemazione degli scavi di Ostia antica e realizza alcune ville sull'Appia Antica, Anzio e Torrimpietra.

Nella sua lunga attività si occupa dei più vari aspetti dell'architettura. Per il settore navale realizza l'arredamento della turbonave Raffaello della Compagnia Italia - Società di Navigazione.

Mentre nel campo dell'edilizia residenziale di città dà un contributo al rinnovamento residenziale di Atene e di Roma, dove rimangono caratteristici gli edifici dagli infissi verde Busiri nella zona di Vigna Stelluti, Ponte Milvio e Parioli.

La Costa Smeralda

La chiesa Stella Maris e sullo sfondo le case di Sa Conca

A Porto Cervo, agli inizi degli anni sessanta, viene incaricato dal principe Karim Aga Khan IV, insieme ad altri noti architetti dell'epoca (Luigi Vietti e Jacques Couelle) della realizzazione della "Costa Smeralda", per la quale progetta la chiesa Stella Maris di Porto Cervo, gli alberghi Luci di La Muntagna e Romazzino, il quartiere Sa Conca, oltre a numerose ville.

Sviluppando un suo stile ispirato all'architettura mediterranea, già sperimentato sul litorale pontino, con l'adozione di forme ancor più morbide, quasi sempre rivestite a calce, e con elementi di decoro ripetuti (quali i comignoli, gli archi a sesto acuto, le feritoie triangolari, il coppo e la ceramica mediterranei), contribuisce alla creazione del paesaggio contemporaneo della Costa Smeralda.

Nel 1977 si ritira dall'esercizio della professione.

Note

  1. ^ Hannes Obermair, Fabrizio Miori, Maurizio Pacchiani (a cura di), Lavori in Corso – Die Bozner Freiheitsstraße, La Fabbrica del Tempo – Die Zeitfabrik, Bolzano, 2020, pp. 86–89, ISBN 978-88-943205-2-7.

Bibliografia

  • Alessandra Muntoni, Maria Luisa Neri (a cura di), Michele Busiri Vici architetto e paesaggista, 1894-1981, Campisano Editore, Roma 2017, ISBN 978-88-98229-94-9.
  • Marina Natoli (a cura di), Michele Busiri Vici. Paesaggio e architettura nel litorale laziale 1941-1973, Roma, Fratelli Palombi, 2001, ISBN 88-7621-168-3.
  • Ordine degli Architetti di Roma e Rieti (a cura di), 50 Anni di Professione, Roma, kappa, 1983.
Controllo di autoritàVIAF (EN96375339 · ISNI (EN0000 0003 7475 1846 · SBN CUBV128746 · ULAN (EN500094573 · LCCN (ENno2018005643 · GND (DE123494435 · BNF (FRcb177422962 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2018005643
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Michele Busiri Vici
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.

X

Get ready for Wikiwand 2.0 🎉! the new version arrives on September 1st! Don't want to wait?