For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Victoria and Albert Museum.

Victoria and Albert Museum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Victoria and Albert Museum
La facciata del museo
Ubicazione
StatoBandiera del Regno Unito Regno Unito
LocalitàLondra
IndirizzoCromwell Gardens
Coordinate51°29′48.66″N 0°10′17.83″W
Caratteristiche
TipoArti decorative
Intitolato aVittoria del Regno Unito e Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Istituzione1852
Apertura1852
DirettoreTristram Hunt
Visitatori857 742 (2021)
Sito web
Cast Courts, sala 46b, calchi di alcune opere scultoree italiane fra cui sullo sfondo la Porta Magna della Basilica di San Petronio a Bologna di Jacopo della Quercia

Il Victoria and Albert Museum è un museo di arti applicate situato in Cromwell Road nella zona di South Kensington a Londra.

È uno dei più importanti musei a livello mondiale dedicato alle arti applicate e alle arti minori, ma non mancano sezioni dedicate alla pittura (soprattutto il disegno), alla scultura e all'architettura. Ospita una collezione permanente di oltre 4,5 milioni di oggetti. È stato fondato nel 1852 e prende il nome dalla regina Vittoria e dal consorte principe Alberto. Si estende su circa 5,1 ettari e ospita 145 gallerie. La sua collezione comprende oltre 5000 anni di arte, dall'antichità ai giorni nostri, dalle culture d'Europa, al Nord America, Asia e Nord Africa.

Per quanto concerne l'Italia, il museo possiede la più grande collezione al mondo di opere del Rinascimento italiano al di fuori dell'Italia.

Alcune sale del museo sono dedicate alla "Cast Courts", dove si può vedere un'ampia raccolta di calchi integrali eseguiti a fine '800 che riproducono le più importanti opere scultoree italiane e alcune europee, fra cui addirittura il portale maggiore della basilica di San Petronio a Bologna e il portico della Gloria della cattedrale di Santiago di Compostela.

L'ingresso è tornato gratuito dal 2001.

Il Victoria and Albert Museum amministra altri cinque musei:

Barca in costruzione (John Constable)

Nel Victoria and Albert Museum ci sono anche opere di gioielleria contemporanea uniche di James Rivière, considerato uno dei più importanti designer di gioielli del XX secolo, tra cui l'Optical Titanio Diago[1]. Questo pendente unico del gioielliere milanese James Rivière è un interessante e relativamente precoce esempio di titanio utilizzato in gioielleria. Il design del ciondolo, con il suo motivo a strati di linee parallele, è stato influenzato dalla Op o Optical Art, ed è legato ai temi esplorati da Rivière dalla fine degli anni '60. Gli anni '70 videro molte sperimentazioni con nuovi materiali in gioielli. Tra i più colorati c'era il titanio metallico refrattario, con la sua colorazione superficiale iridescente ottenuta passando le correnti elettriche controllate attraverso il metallo.

Strumenti musicali

[modifica | modifica wikitesto]

Gli strumenti musicali sono generalmente classificati come mobili dal museo, anche se gli strumenti asiatici sono gestiti separatamente.

Tra i più importanti strumenti di proprietà del museo vi sono un violino di Antonio Stradivari del 1699, un oboe appartenuto a Gioachino Rossini, e una spinetta datata 1571 e realizzata da Annibale Rossi.

La collezione comprende anche un clavicembalo che si pensa sia stato di proprietà di Elisabetta I e pianoforti del tardo XIX secolo progettati da Edward Burne-Jones e Baillie Scott.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN128776887 · ISNI (EN0000 0001 2323 0472 · SBN CFIV025483 · BAV 494/6258 · ULAN (EN500302040 · LCCN (ENn79066252 · GND (DE38632-7 · BNE (ESXX116190 (data) · BNF (FRcb11868116h (data) · J9U (ENHE987007269592505171 · NSK (HR000052681 · NDL (ENJA00650733 · WorldCat Identities (ENlccn-n79066252
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Victoria and Albert Museum
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.

X

Get ready for Wikiwand 2.0 🎉! the new version arrives on September 1st! Don't want to wait?